Gran Macabro

Un filosofo in viaggio verso la fine del mondo, il suo compagno di sbornie e bagordi, una moglie armata di frusta e scopa. Regine balbuzienti, losche ministre, giovani innamorati. Tutti al servizio della Morte che ‘balla’ tra loro la sua danza macabra. La pièce di M. de Ghelderode percorre gli estremi dell'esperienza umana, dalla morte alla degradazione, in un’atmosfera di estasi quasi mistica. Tra risate grasse e musiche scanzonate prende vita il trionfo barocco dell’inverosimile, specchio violento e dissacrante delle debolezze umane.